Alto Lario

Prenota subito la tua vacanza

La parte settentrionale del Lago di Como, conosciuta con il nome di Alto Lario, è un’area ricca di storia e di natura, dalle bellezze paesaggistiche incontaminate,che danno alla zona una precisa identità distinguendola dalle altre terre comasche. Il territorio è costituito da due aree ben diverse: il lago e la montagna.
Due realtà apparentemente estranee tra di loro, ma fortemente legate ed indissolubili. La diversità che diventa comune denominatore del territorio, un punto di incontro di modi e di vita differenti che proprio per la loro caratteristica dell’essere parte della propria terra non si isolano, ma percorrono il territorio alla ricerca della conoscenza dell’identità comune tramandando ai posteri quella capacità di guardare sempre avanti con la certezza di un futuro migliore.
Un territorio che, pur non essendo vasto, è un contenitore eccezionale della storia, dell’arte e della tradizione lombarda. Anche l’uomo più distratto riesce a leggere i valori culturali e umani ereditati dal passato che, con emozione, sono respirabili nelle chiese (famosi e di ineguagliabile bellezza i dipinti delFiamminghino), nelle “strecce”, nelle mura delle case, nei “gesioe“, nelle “santelle“, nei minuti borghi arroccati sui monti, nelle vecchie mulattiere, nei boschi, negli alpeggi, nelle tradizioni, nel folklore e nei mestieri locali.

Un ricco patrimonio storico, artistico e religioso che lega il presente al passato. Sulla costa orientale nel paese di Colico, antico presidio militare spagnolo, si possono ammirare i resti del forte di Fuentes, del forte Montecchio e la famosa abbazia di Piona. Più a sud l’antico borgo medioevale di Corenno Plinio con il suo castello ci trasmette suggestioni d’altri tempi.
Sulla sponda occidentale, in questa zona d’aspra bellezza, si trovano i paesi di Dongo, Gravedona e Soricoi quali costituirono la medievale repubblica delle “Tre Pievi” ch’ebbe la sua buona parte nella storia della guerra tra i Comuni lombardi e il Barbarossa. Ricche sono le testimonianze artistiche del glorioso passato.
Sulle sponde variamente allungate o ricurvate nelle acque si affacciano i paesi di Dongo, Gravedona, Domaso, Gera Lario, Sorico. Di contro, sulla sponda opposta, il paese di Colico, adagiato sulle falde dell’imponente Monte Legnone che con le sue roccaforti rocciose, forma un golfo naturale: la baia di Piona